martedì 22 luglio 2008

Indiani nel Cusio 02

LE FAVOLE DEL PANCATANTRA a Gozzano

TEATRI ANDANTI 2008 DAL MONDO

Venerdì 25 luglio 2008
IL MUTAMENTO ZONA CASTALIA

Ore 21.15 - GOZZANO

Drammaturgia e regia di Giordano V. Amato

Con Eliana Amato Cantone
Musiche composte ed eseguite dal vivo da Giulio Berutto
Scene e costumi di Francesca Tortora
Produzione Il Mutamento Zona Castalia


Il Pañcatantra che significa letteralmente “cinque parti” fu scritto probabilmente nel Kashmir nel secondo secolo a.C. sulla base di racconti molto più antichi. Le traduzioni del Pañcatantra iniziano molto presto. Nel Medio Evo diventa uno dei libri più conosciuti e tradotti al mondo, tanto che una traduzione tedesca di favole di animali, realizzata nel 1481 risulta essere uno dei primi libri stampati in Europa.
Come le Mille e una Notte anche il Pañcatantra si svolge su un’ossatura prestabilita: quella di un re che dispera di istruire i suoi due giovani eredi alquanto ottusi. Finalmente un giorno un saggio Brahamano s’impegna ad insegnare ai due ragazzi tutto il niti in sei mesi. L’insegnamento del niti avviene per mezzo di favole abilmente intrecciate l’una all’altra, senza soluzione di continuità.
Nella nostra trasposizione, agita da un’attrice ed un musicista, il linguaggio è opportunamente attualizzato, ma nel rispetto del contenuto pedagogico e sapienziale originale. Lo spettacolo è caratterizzato da un’originale interazione tra musica, voce e azione. Questi elementi concorrono equamente alla creazione di un’opera rivolta a tutti, agile e dalle esigenze tecniche essenziali.


Per maggiori informazioni:
Teatro delle Selve
Via Carmine 5, Vacciago - 28010 AMENO (NO)
Sede Operativa: SPAZIOTEATRO SELVE - Via Zanotti, 26 - 28010 PELLA (NO)
P. Iva 01695070035
www.teatrodelleselve.it
info@teatrodelleselve.it
Tel + Fax: +39 0322 96 97 06
Cell. +39 339 66 16 179

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.