giovedì 3 luglio 2008

Guida ai Misteri del Lago Maggiore




La Guida ai Misteri del Lago Maggiore è stata pensata e scritta da William Facchinetti Kerdudo come una Guida ai luoghi misteriosi delle provincie di Novara, Varese e del Verbano Cusio Ossola. Di ciascuna località (23 in totale), sono narrate le leggende principali con riferimento ai misteri, alle apparizioni di fantasmi, alle curiosità.

Ogni scheda è corredata di foto e indicazioni per raggiungere il luogo. Viene specificato anche se l’accesso è possibile o meno.

Per il Cusio, le località descritte sono:


  • San Maurizio d'Opaglio (la Fontana di San Giulio).
  • Orta San Giulio (Sacro Monte, Orta, Isola di San Giulio).
  • Omegna (Parrocchiale, Castello di Crusinallo, Agrano).
  • Madonna del Sasso (Santuario).
  • Sambughetto (Grotta delle Streghe).

Il libro è edito da Macchione

6 commenti:

  1. Grazie per le informazioni.. mi sono innamorata di La Strada.. Sto ascoltando anima ribelle..

    RispondiElimina
  2. bravo il tuo blog mi piace, se vuoi ti posso dare storie che si racontano qua in america storie di terrore fantasmi. storie di america, storie di spagna del secolo ...XV, XVI, XVII,...XXI

    vuole???

    RispondiElimina
  3. M!KA hai ragione, il gruppo di collaborazione musicale La strada ha prodotto dei pezzi bellissimi, io amo molto "Randagi" ad eempio. Un saluto ed un ringraziamento al mitico Alfa Autore di questo bellissimo Blog!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie a voi per essere passati di qui.

    @ M!ka: mi fa piacere che la segnalazione sia servita. Anche per me è stata una scoperta.

    @ Bomber: grazie per i complimenti. Mi è sembrato doveroso segnalare il progetto http://www.rdrock.it e creare un collegamento tra appassionati di musica/autori di testi.

    @ Francisco Pizarro: le leggende sudamericane pubblicate nel tuo blog sono molto interessanti. Per vedere come collaborare meglio scrivimi: illagodeimisteri@gmail.com

    RispondiElimina
  5. Non pensavo che a distanza di tanti anni, in rete si potesse ritrovare traccia di una parte del mio passato. E riflettendoci, questa rivelazione potrebbe risultare preoccupante. Nel senso che, se evidentemente ciò che facciamo rimane, è opportuno sforzarsi per costruire sempre al meglio delle nostre possibilità in quanto probabilmente, resteranno tracce anche delle ccanzoni stupide o scritte in malo modo.
    "L'anima ribelle" è nata nel 1978, in una sera di primavera inoltrata, nella cantina dove provava il Gruppo di collaborazione musicale "La Strada". L’abbiamo scritta di getto io e Giorgio Zizolfi. Il gruppo si è sciolto tra il 1985 e 1986.
    Qualche anno fa nel corso di una gradevole e apprezzata “reunion” abbiamo inciso brani nuovi e alcune canzoni di quel tempo riarrangiate. L’album si intitola “L’illusione e i suonatori” e… la musica è cambiata.
    Saluto cordialmente chi è passto di qua.
    Mauro Bolchi

    …old musicians never die, they just band together

    RispondiElimina
  6. @ Mauro: è vero, la rete conserva nelle sue maglie ogni cosa. Tanta polvere, ma anche splendide farfalle che magari hanno volato per una breve stagione.
    Grazie per la tua visita.

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.