venerdì 28 novembre 2008

Potere o non potere?



Vuolsi così colà dove si puote
ciò che si vuole, e più non dimandare.
Dante

La puntata di Siamo in Onda di domani sera ruoterà attorno all’enigmatico tema: “il fattore di potenza”.
Quando l'argomento è stato comunicato, noi collaboratori esterni siamo corsi a cercare i libri di matematica in soffitta per capirne il significato.
Poi abbiamo cercato di declinare il tema nelle sue varie possibilità, che vanno per l’appunto dall’ambito matematico alle avventure di un contadino lucano…


Su questo tema ho infine deciso di raccontare un episodio realmente accaduto nel 1529 che costituirà la base per la Pillola di Mistero di domani sera.

Venendo alle nostre consuete domande…

Cosa vi fa sentire potenti/deboli?

In quale momento avete sentito il potere scorrere nelle vostre mani?

Avete mai abusato del vostro potere?

Ricordo che per ascoltare Puntoradio sul web basta seguire queste istruzioni.

12 commenti:

  1. ahi ahi, sono la prima a rispondere?

    ok, provo, ma le domande sono difficili...

    Cosa vi fa sentire potenti/deboli?
    il mio aspetto fisico, mi procura entrambe le sensazioni... a seconda del momento e della situazione

    In quale momento avete sentito il potere scorrere nelle vostre mani?
    quando inizio qualcosa di nuovo, qualcosa che mi piace e quindi inizio con eccessiva grinta... poi la perdo con il tempo...sigh

    Avete mai abusato del vostro potere?
    abusato, sì, per ottenere maggiori opportunità o guadagni... è umano approfittare di qualche situazione in cui sono gli altri a cedere per noi ...
    non so quanto si è capito dalle mie risposte, comunque ci ho provato

    RispondiElimina
  2. Cosa vi fa sentire potenti/deboli? Mi fa sentire potente (lo so che sono un po' ripetitiva!) la mia capacità di scrivere, quando con le parole riesco ad essere convincente o a ispirare sentimenti tra i più svariati in chi mi legge, mentre debole mi ci sento quando non riesco a controllare un dato evento o a far capire un ragionamento.

    In quale momento avete sentito il potere scorrere nelle vostre mani? In qualsiasi momento abbia usato le dita, le mani per scrivere...

    Avete mai abusato del vostro potere? Mmmm... forse... mmmm... magari lo faccio quotidianamente... specialmente quando scrivo di cose che mi stanno particolarmente a cuore... o quando parlo di pene amorose...

    ;-)

    RispondiElimina
  3. Voglio rispondere alla seconda domanda. Due volte mi è successo: la prima (stranamente per un mezzo ateo) è stata quando da piccolo ho fatto la confessione ...

    RispondiElimina
  4. Ammetto che a volte, quando interrogo un ragazzino particolarmente timido (sono pochi ma ci sono) percepisco il potere di rovinargli la giornata e la cosa mi spaventa molto...
    Non mi piace far piangere i bambini!

    RispondiElimina
  5. 1) Io ho la fortuna di avere un lavoro che può dare molte soddisfazioni, perciò mi sento potente quando riesco a chiudere una ricerca bene, a trovare la persona giusta per il posto giusto.

    Spesso invece mi sento debole quando non riesco a entrare in sintonia con gli altri: questo mi crea grande insicurezza.

    2) Ho sentito il potere nelle mie mani quando sono andata via di casa, a 19 anni, e mi sembrava di avere il mondo in tasca!

    3) Sì, mi è capitato di avere una persona che si fidava ciecamente di me e, senza nemmeno accorgemene, ho abusato di questo "ascendente". Ma dagli sbagli si impara, no?

    Ora però, caro Alfa, ti invito per una volta a rispondere alle mie domande, eheheh! Ivito te e gli altri blogger che vogliano intervenire a fare un salto sul mio blog. Ciao!

    RispondiElimina
  6. Provo a rispondere alla prima:

    1)La capacità di risolvere delle situazioni che sembravano non avere via d'uscita mi dà molte soddisfazioni; il non riuscirci mi fa sentire debole.
    Buon sabato

    P.s. appena mi ricordo il titolo della storia con il micetto te lo scrivo

    RispondiElimina
  7. Ciao caro Alfa buon week end anche a te!! Ciao ciao.

    RispondiElimina
  8. Ciao silvia domande le tue che mettono un po a disagio..non so rispondere, ci devo un po pensare e poi te lo farò sapere.
    Ciao.

    RispondiElimina
  9. Io non ho alcun potere aimè.

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  10. @ Pupottina: sei sempre la prima ;)

    @ Silvia: e i tuoi poteri di Mezzelfa???
    ;)

    @ xpx: in effetti è una cosa misteriosa, questa.

    @ Tenar: non ti ci vedo come il terrore dei tuoi studenti, ma in effetti non sono mai stato interrogato da te..

    @ Vale: dagli sbagli si impara, spesso, ma non sempre.
    Già risposto alla tua domanda, eh, eh, eh

    @ Stella: sono curioso di conoscerla.

    @ Desy: graze di essere passata.

    @ Lario 3: hai il potere di far ridere, che è un grande potere....


    @ Rosy: non capisco per quale motivo, ma ogni tanto capita che de viandanti lascino a me dei commenti indirizzati all'amica silvia. Che sia per via del suo potere mezzelfico?
    in ogni caso sei la benvenuta.

    RispondiElimina
  11. Ciao va bene se ti rispondo un pò in ritardo? ok
    1)Mi fa sentire debole vedere le mie amiche più piccole di me(anche se solo di un anno)che hanno un riconoscimento sociale anche se piccolo
    Non per essere chi sà chi ma perlomeno normale.
    (per riconoscimento sociale intendo un lavoro)
    2)Purtroppo mai,ma non mi interessa perchè per me è più inportante essere riconosciuta nel contesto sociale e non sbandierare ai quattro venti quello che di buono per gli altri eventualmente farò se loro non lo sanno che sono stata io a fare una cosa per loro non inporta basta che lo io
    3)Non avendolo non posso abusarne
    Terry

    RispondiElimina
  12. Grazie per aver partecipato, Terry.

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.