venerdì 14 novembre 2008

Ettore Mo e il volo



Spread your wings and fly away
Fly away, far away
Spread your little wings and fly away
Fly away, far away
Pull yourself together
'Cos you know you should do better
That's because you're a free man

(Spiega le ali e vola via
Vola via, vola via
Spiega le tue piccole ali e vola via
Vola via, vola via
Fatti coraggio
Perché sai di dover far meglio
E questo perché sei un uomo libero.)
Queen

Quante volte avreste voluto avere le ali?
Quante volte avreste voluto semplicemente andarvene grazie alle vostre ali?
Quante volte vi siete sentiti come uccellini in gabbia?
Oppure, avete paura di volare?

Questa volta vi formulo subito le domande, all’inizio del consueto post che preannuncia il tema della puntata di Siamo in Onda che verrà trasmessa domani sera a Puntoradio.
Perché è la voglia di volare che ci fa staccare da terra e puntare al cielo.
Anche se occorre essere prudenti, per non fare la fine di Icaro che tanto volò da sfiorare il sole così che le sue ali tenute assieme dalla cera si sciolsero ed egli precipitò nel mare. A questo proposito voglio segnalare una stranezza. Nel raccontare la storia di Icaro si dimentica che egli seguiva il padre, dedalo, che era colui che aveva costruito le ali per guadagnarsi la libertà. E dedalo, al contrario di Icaro, riuscì a coronare il suo sogno, sebbene al caro prezzo della vita del figlio…

Si può volare in tanti modi, naturalmente…
Vorrei segnalarvene uno, che non richiede ali speciali e nemmeno super poteri.
C’è un uomo, un giornalista, nato a Borgomanero nel 1932. Il suo nome probabilmente vi è noto. Ettore Mo è un grande giornalista, uno di quei reporter che vanno a scovare le notizie negli angoli più sperduti del mondo, dove si combattono, troppo spesso, guerre dimenticate.

Puntoradio l’ha intervistato ed Ettore Mo, in una lunga chiacchierata ha raccontato dei suoi straordinari incontri: Madre Teresa, Pavarotti, Dolores Ibárruri, Indro Montanelli, Ahmad Shah Massoud (il Leone del Panshir). E ancora l’Afghanistan, la Bosnia, la Londra dei Beatles e il Vietnam.

Sabato 15 Siamo in Onda si occuperà del tema "Volare" e
trasmetterà attorno alle 21.30 una sintesi di 10’ dell’intervista ad Ettore Mo.
Tra le altre cose andrà in onda una Pillola di Mistero dedicata ad una leggenda della Valle Strona



Venerdì 21 novembre sarà trasmessa su Puntoradio la versione integrale dell'intervista ad Ettore Mo a partire dalle ore 21 (in replica anche alle 22 e alle 23).

Se non avete la radio o vivete lontano dalle antenne di Puntoradio potete ascoltare la trasmissione dalle casse del computer seguendo queste semplici istruzioni.


8 commenti:

  1. eccomi a rispondere...

    Quante volte avreste voluto avere le ali? sempre... ma se potessi averle mi piacerebbe anche, se è possibile, non avere le vertigini...

    Quante volte avreste voluto semplicemente andarvene grazie alle vostre ali? ahimè, in troppe situazioni avrei voluto scomparire nel nulla oppure semplicemente prendere il volo... ma anche volare in un altro posto mi piacerebbe molto

    Quante volte vi siete sentiti come uccellini in gabbia? durante la settimana lavorativa tutti i giorni... ma forse è normale!

    Oppure, avete paura di volare? io ho il problema di volare troppo, non solo con la mente... purtroppo... e quindi di ficcarmi nei guai e nelle situazioni più assurde e tu ne sai qualcosa.... forse è per questo che anche le mie amiche vengono da me per sfogarsi... poverette non sanno che vengono a chiedere aiuto ad una che sta nei loro stessi panni...
    insomma... si vive una volta sola... e se fosse consentito volare, oltre che in aereo e con la mente... credo combineremmo molti più guai... almeno parlo per me... per fortuna che non sono un supereroe.... ;-)

    RispondiElimina
  2. Ciao anch'io rispondo alle domande
    1)Sempre,infatti mi disegno sempre con le ali e vestita d'azzurro, anche se soffro di vertigini.
    2)Un sacco di volte specie quando sono più stanca del normale come in questo periodo.
    3)Tante specie in questo periodo
    4)Io ho il problema che non posso andare via ne veramente e meno che mai con la fantasia ad esempio guardandomi i cartoni giapponesi infatti tutti quelli che conosco mi rinproverano per questo perchè dicono che sono cose da bambini,ma non è vero perchè se fossero pensati per i bambini non ci sarebbe bisogno di censurarli
    Io dovrei stare nella realtà e impegnarmi per quello che posso fare,ma ho trovato il modo"legale" per evadere fare teatro non che finga con gli altri(più o meno) ma fare proprio dei laboratori posso fare tutto,non sbaglio mai e quando c'è lo spettaclo finale mi sento realizzata e completa!!!
    Che bello rispetto a quando nella tua vita normale ti manca un pezzo e a volte pensi che non lo avrai mai che resterai incompleta in eterno.....
    Terry

    RispondiElimina
  3. Quante volte avreste voluto avere le ali? Nonostante sia comune il desiderio di "volare via", personalmente ho sempre immaginato le mie "fughe" di ben altra natura... mai così volatili, in effetti...

    Quante volte avreste voluto semplicemente andarvene grazie alle vostre ali? Come sopra, preferisco andare via con le parole... (la poesia, ad esempio, è un ottimo modo...)

    Quante volte vi siete sentiti come uccellini in gabbia? Leone, più che uccellino...

    Oppure, avete paura di volare? Ho paura sì di volare!!!!!

    ;-)

    Ma adoro questa "One day I'll fly away... leave all this to yesterday..." cantata da Nicole Kidman in Moulin Rouge!!!

    ;-)

    RispondiElimina
  4. Quante volte avreste voluto avere le ali? Sempre per poter vedere le situazioni da un altro punto di vista.

    In alcuni situazioni avrei voluto veramente volare via.

    Quante volte vi siete sentiti come uccelini in gabbia? Tempo fa molto spesso, ora meno

    Oppure, avete paura di volare?
    Non ho paura di volare un pò alla volta mi sto preparando a spiccare il volo

    Tema molto interessante

    Buon weekend

    RispondiElimina
  5. un saluto veloce per augurare un buon week end!

    RispondiElimina
  6. buon weekend devo scapppare via ciao ciao

    RispondiElimina
  7. Da piccolo sognavo sempre di volare fuori dalla finestra della cameretta ...

    RispondiElimina
  8. @ Pupottina: volare è importante, ma è bene avere un ramo certo su cui tornare a posarsi.

    @ terry: ah, bene, fai teatro.. Informami che magari vengo a vederti.

    @ silvia: bellissmo Moulin Rouge.

    @ Stella: le stelle hanno un punto di vista diverso dal nostro, in effetti ;))

    @ Maria rita e adriano: saluti anche a voi.

    @ xpx: grazie per la visita. appena riesco verrò a trovarti.

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.