mercoledì 15 ottobre 2008

Metti per caso un mago al Monte Sacro




Quando già il sole volgeva al tramonto sono salito al Monte di Orta, sacro al nome e al ricordo di Fratello Francesco da Assisi. Lì, passeggiando tra alberi e cappelle, ho incontrato un mago. Pura coincidenza? Ormai dovreste sapere che noi de Il Lago dei Misteri (nonché quelli di Voyager) non crediamo alle coincidenze...



E in effetti non per caso mi trovavo in quel luogo, bensì seguendo l’arcano invito lanciato da Orta blog, infaticabile segnalatore di eventi cusiani.

Fino al 6.01.09, nei pressi della cappella 4 sono infatti esposte 12 opere (e se giocate i numeri, ricordatevi del vostro amico Alfa, in caso di vincita…) rappresentanti personaggi del mondo fantastico: maghi e maghe, gnomi, nani, draghi, elfi ecc.. Si tratta di gigantografie realizzate del maestro Nicola Pankoff per dare corpo e forma alle idee del presidente del Consorzio Cusio Turismo, di cui abbiamo già avuto modo di parlare.



Nicola Pankoff (traggo la notizia da Orta blog) è un “geniale e poliedrico artista aronese. Spazia dalla musica al disegno creando mondi fantastici sia con le note sia con i colori. Noto nell’ambiente artistico come colorista, prepara personalmente le sue miscele di pigmenti con alchimie d’altri tempi. I suoi lavori sono esposti in collezioni pubbliche e private e le sue opere sono richieste come icone per manifestazioni pubbliche.”

L’inserimento delle figure nell’ambiente naturale della riserva speciale del Sacro Monte d’Orta è gradevole e guardando le figure si ha l’impressione di essere capitati sul serio in un mondo fantastico
. Nel complesso vale quindi la visita.





10 commenti:

  1. Uhhhhh, ma che meraviglia, che cosa incantevole!!! Che belle immagini!! E ci sono pure elfi??? Uhhhhh, che meraviglia...

    ;-))

    ***

    Per quanto riguarda il mio libro, mi dici che sei andato ad ordinarlo in una libreria ma ci sono troppe difficoltà per fartelo arrivare?? Guarda, allora scrivi direttamente alla casa editrice (http://www.ibiskoseditricerisolo.it/) e te lo fai mandare da loro, già qualcun altro l'ha richiesto alla casa editrice e gliel'hanno spedito addirittura in sardegna... quindi penso che richiederlo alla casa editrice sia la cosa migliore!! Va bene?? Fammi sapere come procede, non dovrebbero esserci problemi, penso!

    Grazie che lo vuoi leggere, spero ti piaccia e che sia valsa la pena, alla fine, averlo cercato e comprato con tanta pazienza e costanza!!!!

    ;-)))

    RispondiElimina
  2. Ma che belle foto!!!
    Grazie per il commento e per le citazioni :-D
    CIAO!!!

    RispondiElimina
  3. che bella storia accompagnata da foto eccezionali!

    RispondiElimina
  4. Ciao! anch'io ho ricambiato il favore e ti ho inserito tra i miei link!

    e devo decidermi a fare anch'io il test dei fiori..chissà cosa verrà fuori!.:)

    RispondiElimina
  5. ciao alfa belleisime figure, sai ti abbiamo ascoltato con gianna nel programa "siamo in onda" per la radio web.

    RispondiElimina
  6. @ Silvia: grazie per i complimenti. Scriverò all'editore, perché mi sembra effettivamente la cosa più semplice.

    @ Lario3: tra un po' dovrò cambiare battuta, però. Chiederò all'uomo lapide, sempre prodigo di buoni consigli.

    @ Pupottina: grazie, grazie.

    @ Alfa: grazie. Sono anch'io curioso di vedere il tuo profilo floreale. Basta non prenderlo poi troppo sul serio...

    @ Mosarella: Sono contento, ma non credo abbiate sentito "me", se avete ascoltato il programma sabato scorso.
    La pillola di mistero infatti è mia, ma la voce è di Marco l'Equi Librista.
    La mia (raffreddatissima) voce è andata in onda solo in occasione della premiazione del concorso "Racconta il tuo mistero".

    RispondiElimina
  7. Belli i maghi e i draghi di Orta!

    RispondiElimina
  8. Se hai occasione fai un giretto al Sacro Monte, Tenar.

    RispondiElimina
  9. CHE MERAVIGLIA! QUALCUNO SA DIRMI CHI HA FATTO QUESTE BELLISSIME GIGANTOGRAFIE?

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.