sabato 7 giugno 2008

La caccia infinita





E’ accaduto. Avremmo dovuto saperlo. No, avremmo potuto saperlo se tanti anni di assenza non ne avessero cancellato persino il ricordo. I vecchi sapevano della sua esistenza, ma sono passati così tanti anni da quando abbiamo smesso di prestar fede alle storie dei vecchi…
Persino i più anziani non ricordano di averne mai sentito parlare.

Un tempo era diverso. Al calar del sole ci si serrava dentro le cascine, sprangando le porte, chiudendo le ante di finestre munite di solide sbarre. Soltanto gli uomini più coraggiosi osavano uscire fuori, nelle tenebre.
Dentro, accanto al fuoco e nelle stalle, i vecchi raccontavano alle donne e ai bambini di occhi che brillano nel buio; di artigli che lacerano la carne e zanne che squarciano la gola; della Bestia che si aggira nelle tenebre in cerca di preda; delle grandi cacce organizzate per stanare la Bestia; dei latrati dei cani; delle armi nervosamente strette tra le mani; delle trappole nascoste nelle foglie.

Tutto inutile.

La Bestia spariva, dopo aver lasciato una lunga striscia di sangue. Talora un lupo o un orso, quando ancora ce n’erano, o un cane idrofobo, finivano nella trappola, ma i racconti dei testimoni non coincidevano mai con la fredda realtà di un cadavere.
Le zampe erano troppo piccole, le fauci meno feroci e lo sguardo, no, lo sguardo era diverso.

E poi, come a confermare quel sospetto, a distanza di chilometri, talora di anni, una nuova esplosione di violenza, una nuova caccia, una nuova preda insoddisfacente…

È accaduto. Qualcosa è entrato in un recinto, saltando una rete alta due metri e sgozzando sei daini. Qualche giorno prima era toccato a tre caprette.
Si parla di un cane. No, quegli artigli non sono da cane, sono da felino.
È una lince, misteriosamente tornata dopo un esilio centenario. No, una lince non può fare quel macello.
Deve essere una pantera, una tigre, forse fuggita da un circo o da uno zoo clandestino…
Di nuovo si tendono trappole, si preparano battute, col timore che la bestia possa attaccare di nuovo.

E la caccia infinita riprende...



Più che di una leggenda questa Pillola di Mistero narrata a Siamo in Onda su Puntoradio è il racconto di una paura.
La paura delle bestie feroci che si aggirano nell'oscurità della notte. Paura comune a tutta l'umanità, fin dai tempi in cui ci si stringeva attorno al fuoco mentre, nelle tenebre circostanti, si muovevano minacciosi occhi famelici.

Accanto a questo timore di tanto in tanto s'insinuava, per l'efferatezza degli assalti, per le tracce misteriose lasciate sulle vittime, per qualche testimonianza confusa, il sospetto che, accanto alle normali belve si muovesse "qualcosa" d'altro.
Qualcosa non solo di feroce, ma di straordinariamente malvagio.


E' la paura della Bestia che si aggira nelle Tenebre: dell'Uomo Lupo, dell'Uomo Nero, del Vampiro, ecc.

Leggende comuni a tutti i paesi del mondo, che provocavano lo scatenarsi di cacce più o meno organizzate, talora con vere esplosioni di follia collettiva, che potevano concludersi con la morte di qualche disgraziato capro espiatorio...

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.