domenica 28 giugno 2009

Il mostruoso figlio della Ghittina

Durante il mio soggiorno le paese delle Streghe, una vecchia mi ha raccontato la storia della Ghittina e del suo mostruoso figlio.
Un giorno questo mostro orrendo di sesso femminile, gran rapitrice di bambini e terrore delle mamme in tutta la Valle Strona, calda d’amore e spinta dal desiderio si congiunse al demone Asmodeo concependo un mostruoso figlio. Esso, come raccontò il chierico Piana, fu messo a guardia di un immenso tesoro celato nelle profonde caverne del Sass Muijèr, una caverna in cui subito si radunò ciò che d’impuro e mostruoso poté produrre l’Inferno: Larve, Spettri, Fantasmi che il riposo funestano dei mortali. E ancora

Demoni, e streghe a mille in la caverna
Stanno rinchiusi, e tutta ella è fatata
Per virtù d’incantesimi; e nell’interna
Parte tuttor quell’orrida brigata
Sghignazza, e sen’esce il suon dalla superna
Porta per cui s’apre l’angusta entrata;
ed ivi pure a mille le Sovaine
rinchiuse son, mille Oromatti, e faine.

Così cantava il chierico nel poemetto “La Parrocchia in Contrasto” con cui celebrò le gesta del prode Celestino, che sconfisse i mostri brandendo un Agnusdei, potente amuleto dalle sembianze di cuscinetto quadrato, guarnito di nastri multicolori e ricami, che conteneva all’interno un oggetto benedetto, come una candela, foglie di ulivo e una medaglietta sacra.

2 commenti:

  1. Alfa, sei bravissimo a presentarci queste tradizioni popolari.
    Erano quei racconti a cui facevano ricorso i nonni quando i nipotini erano un pò turbolenti...

    Buona serata!

    RispondiElimina
  2. che storia interessante!
    queste antiche leggende hanno sempre il loro fascino!
    buon inizio settimana

    ^____________^

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.