venerdì 26 giugno 2009

Il bosco fatato di Cossogno: spettacolare festa con fate, elfi e gnomi

Domenica 28 giugno 2009, con inizio alle ore 10,30, si terrà a Cossogno (alle porte del Parco Nazionale Val Grande e a 3 km da Verbania), nell'area attrezzata di Inoca, la prima edizione de “Il Bosco Fatato”, spettacolare festa per adulti e bambini. Ospiti della giornata fate, elfi, gnomi e tutte le creature più strane del mondo fatato... Ci saranno inoltre concorsi e mercatini, con possibilità di pranzo a cura del Gruppo Sportivo Cossognese, il tutto condito da una coreografia senza precedenti.
La manifestazione è organizzata dal gruppo "Cuori di Donna" e ha il patrocinio di: Parco Nazionale Val Grande, Provincia del Verbano Cusio Ossola, Comune di Cossogno.

Il Parco della Val Grande sarà presente con un proprio gazebo, mentre gli Gnomi di caverna, ovviamente, porteranno draghetti, gnomi di caverna e bacchette magiche per duellare.

Info e prenotazione pranzo: 346.5757839, 0323.468108, www.manifatate.com

6 commenti:

  1. e da quel di Omegna la strada è breve!!
    spettacolare la val grande
    fatta per passeggiare ed ammirare le bellezze della natura
    non sapevo di questa festa
    :) un giretto lo posso anche fare
    tra fate e folletti...

    buon week end

    RispondiElimina
  2. WOW!! Che bello....... dev'essere fantastico, come entrare in una favola!!

    RispondiElimina
  3. prenoto il pranzo.
    OK ???
    Magari !!!

    RispondiElimina
  4. Bellissima iniziativa.
    Ma è possibile venire solo al pomeriggio o mangiando al sacco ?
    Mia figlia non ama molto mangiare all'aperto.. e pensavo di venire al pomeriggio...

    RispondiElimina
  5. Caro Anonimo, non so che dire, non organizzando io la manifestazione.
    Presumo proprio di sì. Normalmente le indicazioni sul pranzo sono a supporto, ma ciascuno si regola come vuole.

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.