domenica 14 giugno 2009

L’uomo che lanciava televisori dai ponti

«Cosa spinge un uomo a fare il giro del lago, salire su per una strada piena di tornanti fino quasi alla Madonna del Sasso, fermare la macchina su un ponte, aprire lo sportello e lanciare il televisore guasto nel vuoto?»
Il Filosofo fissa il suo bicchiere, come per cercare una risposta a questa assurda domanda.

Dalla radio, frattanto, giungono le notte dei Queen, con Freddie che canta in inglese e giapponese “Teo Toriatte”.

When I'm gone
No need to wonder if I ever think of you
The same moon shines
The same wind blows
For both of us,
and time is but a paper moon...

«Forse è il gusto di fare qualcosa di proibito» scuoto la testa. «O mera stupidità. Pensa allo spreco di carburante, all’inquinamento del torrente sottostante, la fatica… quando esiste un servizio di raccolta porta a porta gratuito.»

Be not gone
Though I'm gone
It's just as though I hold the flower that touches you
A new life grows
The blossom knows
There's no one else could warm my heart
as much as you...
Be not gone

Il Filosofo tuttavia non mi ascolta. È perso nella nebbia dei suoi astratti pensieri come sovente gli accade.

Let us cling together as the years go by
Oh my love, my love
In the quiet of the night
Let our candle always burn
Let us never lose the lessons we have learned

«Cosa spinge una ragazza bella, intelligente, sensibile a buttare la sua vita inseguendo un assurdo sogno di celebrità?»
Su Facebook lo status del Filosofo indicherebbe certamente “Relazione complicata”. Su Facebook lo status del Filosofo dovrebbe indicare più propriamente “single” dal momento che da quando lo conosco le sua situazione non è mai cambiata…

Hear my song
Still think of me the way you've come to think of me
The nights grow long
But dreams live on
Just close your pretty eyes and you can be with me...
Dream on

«Cosa rende indelebile nel cuore di un uomo il marchio a fuoco di un amore indimenticabile? Cosa lo spinge al ricordo ostinato? Nonostante tutto?»
Il naso del Filosofo sfiora quasi l’orlo del bicchiere, come se sulla sua schiena fosse seduto il più pesante dei demoni.

When I'm gone
They'd say we're all fools and we don't understand
Oh be strong
Don't turn your heart
You're all
We're all
For all
For always...

Il volto del Filosofo è una maschera di tristezza, come quello di un condannato a morte. Eppure, come un uomo in attesa dell’esecuzione, non riesce a non sperare. in una grazia all’ultimo istante, ad un miracolo, non saprei dire.

Let us cling together as the years go by
Oh my love, my love
In the quiet of the night
Let our candle always burn
Let us never lose the lessons we have learned

E quando rialza la testa, dopo quei lunghi minuti di sofferenza, leggo nei suoi occhi la certezza che il miracolo, un giorno o l’altro, ci sarà.



9 commenti:

  1. Colgo un senso latente che mi sobbalza in testa....
    Ti vedo molto come il filosofo nelle domande e nelle riflessioni...
    Proprio come un tipo che non smette di voler capire come gira il mondo!

    Grandiiiiiiii!!!
    QUEEN!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Cavolo! Che post interessante!!
    Riassumendo... la ex-ragazza del filosofo, giovane e molto carina, ha perso la testa ed è andata a lavorare per la TV, in uno di quei programmi dove le ragazze sono trattate come ochette a mala pena vestite... e il Filosofo, in un eccesso di rabbia, ha buttato la sua TV dal ponte per protesta!

    RispondiElimina
  3. Pensare che nostra madre terra sia il ricettacolo delle nostre porcherie e tutto perdoni e tutto sopporti...
    Sputereste in faccia a vostra madre????? !!!!!!!!!!!!!!!
    Odio chi insozza la nostra casa.

    RispondiElimina
  4. Una volta o l'altra, dovessi mai scoprire il luogo di raduno degli Amici dell'Aperitivo, mi ci presento. Qualche delirio sono in grado di portarlo allegramente.

    RispondiElimina
  5. @ Dark secret: il Filosofo non smette mai d'interrogarsi.

    @ Vele: no, non è stato il Filosofo a buttare il televisore dal ponte, ma un suo vicino. E quel gesto stupido diventa l'emblema di tutte le azioni stupide che facciamo.

    @ Verné: completamente d'accordo.

    @ Brain: si potrebbe combinare...

    RispondiElimina
  6. e speriamo sia un miroacolo a reti unificate

    RispondiElimina
  7. Cosa non è capace di pensare nella solitudine il Filosofo, alias il Mago d'Orta:
    “Io speriamo mela cavo (TV?)” Lancio in Filosifussione?.

    RispondiElimina
  8. Noooone:
    "io speriamo me la faccio"
    ed evito l'adattamento di "filodiffusione" perché come si sa sono altolocata

    RispondiElimina
  9. che storia!!!
    l'amore a volte sa essere crudeli con chi ne è preso... le donne poi hanno un modo strano d'amare ed ormai l'ambizione supera ogni cosa... anche i sentimenti...
    per fortuna non sempre è così...

    poi, ci tengo a rispondere a queste domande, quelle del post

    Cosa rende indelebile nel cuore di un uomo il marchio a fuoco di un amore indimenticabile?
    credo che gli uomini si innamorino veramente poche volte nella vita... una o al massimo due... mentre per le donne è diverso... anche se tutti gli aori hanno comunque un diverso grado di intensità che li contraddistingue... un uomo che ama e sa amare è qualcosa di meraviglioso... è invece un reato farlo soffrire così...

    Cosa lo spinge al ricordo ostinato? Nonostante tutto? l'amore non se ne va ... ogni amore perso lascia una traccia importante e l'uomo sa rafforzarne l'intensità ed a volte il ricordo è insopportabile e nonostante tutto resta presente nell'uomo che per amore perdonerebbe qualsiasi cosa ... Un po' come DMW con TDF ... ;-)
    uomini così esistono e restano prigionieri dei loro sentimenti...

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.