lunedì 28 dicembre 2009

La montagna sacra


Nei tempi dei tempi, quando il primo tremito della parola salì alle mie labbra, ascesi la montagna sacra e parlai a Dio, dicendo: “Mio signore, sono tuo servo.
La tua volontà segreta è per me legge, e ti obbedirò per sempre”. Ma Dio non diede risposta, e come una possente tempesta passò oltre.
E dopo mille anni ascesi la montagna sacra e di nuovo parlai a Dio, dicendo: “Creatore, sono tua creazione. D’argilla mi hai plasmato, e a te devo il mio tutto”.
E Dio non diede risposta, ma come una miriade di ali veloce passò oltre.
E dopo mille anni mi arrampicai sulla montagna sacra e parlai a Dio nuovamente, dicendo: “Padre, sono tuo figlio. Nella misericordia e nell’amore mi hai generato, e con l’amore e con l’adorazione io diverrò erede del tuo regno”. E Dio non diede risposta, e come il velo di nebbia che riveste le alture in lontananza passò oltre.
E dopo mille anni mi arrampicai sulla montagna sacra e nuovamente parlai a Dio, dicendo: “Mio Dio, mio fine e compimento; io sono il tuo ieri e tu sei il mio domani. Io sono la tua radice in terra e tu sei il mio fiore in cielo, e insieme ci innalziamo dinanzi al volto del sole”. Allora Dio si chinò su di me, e al mio orecchio sussurrò parole di dolcezza, e mi avvolgeva come il mare avvolge il ruscello che corre verso di lui.
E quando scesi verso le valli e le pianure, Dio era anche laggiù.

(Kahlil Gibran)

5 commenti:

  1. Eccezionale Gibran...scelta ottima caro Alfa, per tempismo e profondità di pensiero.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  2. Bella citazione. E w le montagne

    RispondiElimina
  3. Ti auguro un buon 2010 che possa darti cio' che desideri.

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.