giovedì 5 novembre 2009

Il rubinettaio


Il Rubinettaio è un amico storico di Alfa. Storico non solo perché la loro amicizia è iniziata nel millennio precedente. È infatti uno degli amici di infanzia di Alfa, di quelli che si trovavano almeno una volta a settimana per giocare a pallavolo o a Monopoli e qualche volta a Risiko. Ora hanno smesso di giocare (a quei giochi quanto meno) e si occupano di altro, ma Alfa ed il Rubinettaio hanno ripreso l’abitudine di vedersi almeno una volta alla settimana per prendere un aperitivo, pranzare o cenare assieme.
Il Rubinettaio è uno dei tanti, in questa zona del Cusio, che si occupano di produrre o lavorare i rubinetti. Oggetti che tutti abbiamo in casa e a cui raramente prestiamo attenzione, salvo che non si rompano. Solo allora ci rendiamo conto di quanto importanti siano.
Assieme a tanti suoi colleghi e concorrenti, si occupa di far si che i rubinetti che l’idraulico ci installa non perdano e facciano anzi un’apprezzabile figura nei nostri bagni, che assomigliano sempre meno a quei bugigattoli maleodoranti dei nostri nonni e sempre più a dei saloni di bellezza o alle terme degli antichi romani.
Da quando poi Alfa ha scoperto l’esistenza di un Museo del Rubinetto è rimasto particolarmente colpito dalle cento e uno curiosità che ruotano attorno a questo oggetto. Ed essendo curioso come un gatto, pone sempre mille domande al suo amico rubinettaio che pazientemente risponde, spiegando come un lingotto di ottone si trasformi magicamente in un prezioso dispensatore d’acqua.
Certo, i due non parlano solo di rubinetti. Parlano anche di leggende , di altri misteri, e, ovviamente, di fatti privati, ma buona parte di queste conversazioni non può essere rivelata…

Ma voi, amici, diteci: in che rapporto siete con il rubinetto del vostro bagno?
E quanto tempo passate in questo luogo così intimo della casa?


Lago dei Misteri

10 commenti:

  1. è un po' come il click dell'interruttore della luce, ti accorgi della sua importanza quando non funziona.....
    il mio rapporto con i rubinetti e un po' di "conflitto", la miscela dell'acqua è sempre critica ,,...

    RispondiElimina
  2. Trattienimi, Musa, dal rievocare
    l'aspri dissidi e l'angustiose liti
    ch'in tempi travagliosi di trasloco
    me, bella di design e di sventura,
    opposero al consorte refrattario
    allor (non oggi, sembra) a tributare
    il degno plauso pregio onore vanto
    al re del gabinetto, il Rubinetto!

    RispondiElimina
  3. in perenne fuga dal rubinetto ! Con tre donne in casa !!!

    RispondiElimina
  4. La foto è super!
    Il rubinetto, per quel che mi riguarda, è un campo di battaglia della perenne lotta contro gli aloni. Vincono gli aloni, ovviamente.

    RispondiElimina
  5. non molto... essendo sempre di corsa... davanti al pc passo molto più tempo... e forse si vede... eheheeheh
    in quel luogo così intimo della casa ci sto davvero poco... Kevin invece passa molto più tempo, a poca distanza dal rubinetto, infatti, c'è lo specchio ed è lì che lui si contempla... O_O

    RispondiElimina
  6. @ Bruno: è vero, ricorda l'interruttore.

    @ Malikà: o folletta dall'alato verso, meno male che la tua musa si trattenne o dopo "La Secchia Rapita" avremmo "Il Lavello Acquistato".

    @ Giardigno: hai tutta la mia comprensione.

    @ Tenar: la foto non è mia purtroppo. Ma è esattamente quello che cercavo in rete.

    @ Pupottina: anche Narciso si specchiava a breve distanza dall'acqua...

    RispondiElimina
  7. Ottimi rapporti con la rubinetteria, tempi necesari in toalette, un filo di trucco rapido, un lungo bagno rilassante, ecc. Ma il il tuo Rubinettaio assomiglia a quello della foto ? perchè se nò è proprio il mio tipo Miaoooooooooo

    RispondiElimina
  8. @ Felinità: anche un po' migliore, direi.

    RispondiElimina
  9. Miaoooo !!!! la cosa si fa interessante ......

    RispondiElimina
  10. belissimo gatto XD me piace blog =)

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.