giovedì 14 maggio 2009

La Valle delle Leggende


A maggio torna “La Valle delle Leggende”, grande caccia al tesoro della Valle Grana, organizzata dall’Associazione culturale La Cevitou.
L’iniziativa, nata lo scorso anno, ha lo scopo di valorizzare il territorio facendo conoscere alcuni luoghi ormai dimenticati della Valle Grana.
La scorsa edizione, nonostante le difficoltà dovute all’alluvione, ha riscontrato un buon successo di pubblico di tutte le fasce d’età.
Scopo del concorso è quello di individuare e fotografare alcuni luoghi nascosti della valle grazie all’aiuto delle leggende che saranno fornite, assieme alla mappa, al momento dell’iscrizione.
A legare le leggende ed aiutare i concorrenti sarà il racconto di Jacques, un cataro che percorrerà tutta la valle imbattendosi nei vari siti e fornendo descrizioni importanti sui luoghi da trovare. Questi dovranno essere immortalati in modo artistico.
I vincitori dello scorso anno si sono distinti per capacità di osservazione, ambientazione fantasiosa, inquadrature particolari, simpatia e voglia di mettersi in gioco in modo scherzoso: importante è quindi armarsi di curiosità e creatività.
La nuova edizione del concorso, che, ricordiamo, è aperto a tutti, si presenta con un’impostazione trasformata ed avvincente.
Il numero di leggende da individuare è sceso a cinque ed è sufficiente scoprire due luoghi per poter partecipare alla valutazione della giuria. Inoltre i partecipanti, lasciando la loro e-mail al momento dell’iscrizione, verranno contattati periodicamente per ottenere informazioni sui percorsi o curiosità sulle località toccate dalla mappa.
Si è pensato di indicare il livello di difficoltà di ogni sito per favorire le famiglie, chi non è esperto di camminate in montagna o, semplicemente, chi non conosce la valle.
L’elenco dei luoghi da trovare contiene un sito misterioso che i concorrenti dovranno scoprire attraverso l’uso della speciale mappa, del racconto e, volendo, aiutandosi con cartine o domandando alla gente del luogo: ogni mezzo è valido!
Le fotografie potranno essere consegnate a scelta presso BEICO – Filatoio Rosso di Caraglio – sabato e domenica dalle 15 alle 19, a mano o mediante chiavetta USB, oppure spedite via e-mail all’indirizzo lavalledelleleggende@libero.it.

Le opere ammesse potranno essere esposte al pubblico presso il Filatoio di Caraglio al termine del concorso.

La caccia al tesoro ha una durata di cinque mesi per offrire ai partecipanti il tempo necessario per trovare con comodità i luoghi nascosti.

L’iscrizione può essere effettuata dal 9 maggio al 25 settembre al Filatoio Rosso di Caraglio, presso Beico (sabato e domenica dalle 15.00 alle19. 00), oppure presso la trattoria Aquila Nera di Monterosso Grana, versando una quota di 5 euro a persona. I concorrenti riceveranno, insieme al materiale necessario per scoprire i luoghi nascosti, la tessera omaggio dell’Associazione.

La premiazione avverrà nel mese di novembre, in occasione della festa annuale dell’Associazione. In palio ricchi premi legati alle tradizioni della Valle Grana.

Per informazioni: e-mail lavalledelleleggende@libero.it

Tel. 333.3234452


Fonte:
Associazione culturale La Cevitou
fraz. San Pietro, 89
12020 Monterosso Grana, CN
www.lacevitou.it
associazione@lacevitou.it

6 commenti:

  1. interessante e misterioso andare a caccia di leggende...
    ^________^
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che bello! Sembra davvero interessante e divertente... come in un libro di avventura!

    RispondiElimina
  3. Mitico!!!

    Grazie Alfa che ci dai notizia di queste cose!

    RispondiElimina
  4. Una bellissima iniziativa... perchè dalle mie parti non organizzano mai cose del genere???

    RispondiElimina
  5. Deve essere bello unire la fotografia alla ricerca dei luoghi misteriosi; peccato che dalle mie parti non c'è un'iniziativa come questa!

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.