lunedì 6 aprile 2009

Terremoto in Abruzzo.

Un terribile sisma ha colpito l’Abruzzo questa notte.

Nell’esprimere solidarietà alle popolazioni vittime della tragedia, che secondo le prime stime ha provocato quasi un centinaio di morti e un numero imprecisato di feriti (ma il bilancio purtroppo è provvisorio), mi sembra necessario fornire alcune informazioni che possono essere utili a chi desiderasse dare una mano.

È importante ricordare che in questi casi la buona volontà non basta, per cui è bene coordinarsi con le istituzioni che già operano per prestare i primi soccorsi.

Segnalo che su Facebook è stato aperto il gruppo “Aiutiamo l’Abruzzo” dove è possibile trovare informazioni aggiornate e riferimenti specifici dei numeri cui rivolgersi per donare sangue o per dare una mano in altro modo.

La Caritas ha aperto una sottoscrizione: Versamenti c/c postale - numero di conto corrente postale 82881004 (IBAN: IT77K0760103200000082881004) intestato a Caritas diocesana di Roma, specificando nella causale "Terremoto Abruzzo"; Bonifico bancario - IBAN: IT13R0306905032000009188568, specificando nella causale "Terremoto Abruzzo"

Inoltre ricordo il sito della Protezione Civile: http://www.protezionecivile.it
Il numero di telefono dell’Emergenza Terremoto è 06.68201 (Protezione Civile Volontariato), ma ricordo che la stessa Protezione Civile raccomanda di limitare al massimo l’uso del telefono nelle zone interessate dal sisma, al fine di non sovraccaricare le linee che devono restare libere per i soccorritori.

Infine, per seguire le notizie in tempo reale http://www.ansa.it

7 commenti:

  1. Mi dispiace molto Alfa tutta questa tragedia. Sono con voi,con tutto il mio cuore.
    Baci!

    RispondiElimina
  2. Alfa, sai dirmi se Chietti è stata risultata per questo terremoto? Una amica ha famiglia lì e lei è molto preoccupata. Telefono non funziona...
    Baci

    RispondiElimina
  3. Mi associo alla solidarietà e condivido i consigli dati.

    RispondiElimina
  4. Ciao alfa. è una situazione terribile...

    RispondiElimina
  5. Mi associo anch'io alla solidarietà...

    RispondiElimina
  6. Ciao dolcissimo...scusa l'ora...ho avuto questo commento importante,ti preo aiutiamoli fallo girare.Un abbraccio.



    l presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi chiede che vengano sospese le donazioni di sangue. Invece servono coperte, vestiti, pannolini, latte in polvere, casse d'acqua e tutti i beni di prima necessità.Verranno raccolti da "Fare ambiente", Roma, in Via Nazionale, 243,tel. 06 48029924.Mentre sul sito http://www.modavi.it tutte le istruzioni per far parte delle squadre di soccorso in Abruzzo. AGGIORNATE IL VS STATO.

    ---------------------------------------------------------------------------------------


    EMERGENZA TERREMOTO: NUMERI E LINK (DIFFONDETE IL PIU' POSSIBILE)


    Per offrire disponibilità di alloggio: l’UDU sta cercando posti letto telefonare allo 06.43411763 o scrivere a organizzazione@udu.it

    Per volontari da tutta Italia: telefonare alla protezione civile nazionale 06.68201

    Per volontari da Pescara: telefonare al Centro operativo della Protezione Civile presso la Prefettura di Pescara 085.2057627


    Per fare donazioni: Raccolta fondi Croce Rossa Italiana:
    Conto corrente bancario C/C n. 218020 presso BNL - roma, intestato a CRI, codice Iban IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020, causale: pro terremoto Abruzzo;
    Conto corrente postale n. 300004 intestato a CRI causale: pro terremoto Abruzzo;
    Versamenti on line sul sito: http://www.cri.it/donazioni.html

    Per enti locali e associazioni di volontariato, comitati, gruppi organizzati: è possibile attivarsi da subito con i corpi locali di protezione civile, con la associazioni prendendo contatti con i coordinamenti regionali, c’è bisogno di medici, tende, coperte, cibo e supporto logistico. Per informarsi: Dipartimento della Protezione Civile 06.68201 PUBBLICALO PER FAVORE

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.