sabato 19 giugno 2010

I morti che parlano e i misteri delle guide misteriose

 L'orecchio dei morti ad Orta
Nell’ottobre del 2008 mi recai in un luogo misterioso ad Orta, dove secondo la tradizione i morti parlerebbero. Accostando l’orecchio al muro del cimitero sarebbe possibile infatti udire misteriosi bisbigli.

Poiché non conoscevo con esattezza il luogo mi affidai al volumetto di William Facchinetti Kerdudo, “Guida ai Misteri del Lago Maggiore” (che i lettori più affezionati ricorderanno essere stata recensita su questo blog) che alla pagina 38 parla della “chiesa che bisbiglia” di Orta.

Vi era anche una fotografia del luogo, ma con mia grande sorpresa durante il sopralluogo trovai una ben poco misteriosa e alquanto rumorosa cassetta dell’ENEL.

Credevo che la questione fosse chiusa ed invece, grazie alla mia nuova amica e informatrice, “Paesesommerso”, ecco un colpo di scena.

Il punto in cui i morti parlerebbero non sarebbe affatto quello indicato dalla guida e che vedete in questa foto

Paese sommerso mi ha anche inviato delle foto che individuano chiaramente un grosso e misterioso incavo nella parete di pietra. Sarebbe quello l’orecchio dei morti!


Non mi resta che tornare sul posto per un nuovo sopralluogo…

Prima parte 
Terza parte

9 commenti:

  1. ecco che arriva una delle onde migliori

    RispondiElimina
  2. Ciao Alfa! Dopo un periodo di stacco, torno a leggere le leggende del tuo blog, che bello :-)
    Se ti può interessare, ho appena pubblicato un post sulle leggende del solstizio d'estate. Buona domenica!

    RispondiElimina
  3. Facci sapere assolutamente sta cosa è intrigantissima miao

    RispondiElimina
  4. Ciao! Ma sai che mi incuriosito e ho anche un po' di fifa (ma con me ci vuole poco, basta farmi "bau!" e io mi terrorizzoo! :D
    Complimenti, non conoscevo questa storia e mi sono appassionata! :D
    Attendo il seguito.

    RispondiElimina
  5. Wow! Interessante. Appena posso vado a fare un giro

    RispondiElimina
  6. Ciao! Rieccomi qui, ho riletto quello che hai scritto e mi è venuta in mente una leggenda nata nel Castello di Oria (Puglia). Forse non dovrei dirlo per non ferire l'orgoglio dello scrittore o quella specie di risentimento ad ogni sorta di suggerimento. Però puoi fare delle ricerche e poi montarci su qualcosa di interessante. A me, per esempio, interesserebbe molto perchè non ricordo esattamente la storia, ma ricordo che mi piaceva sentirne misteriosamente parlare. Ci sentiamo signor Mistero!

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.