martedì 29 aprile 2008

La città dei misteri





La città dei misteri di Giacomo Fiori

"Non si sa se per snobismo o per altro, Arona ha avuto da sempre i suoi misteri, ma non si è accontentata dei soliti fantasmi con lenzuolo che appaiono con cigolii di catene ad ogni luna piena: le storie soprannaturali che hanno avuto come teatro la città, e ancora prima il borgo, sono di un’altra pasta, e spesso hanno lasciato tracce non solo nelle dicerie popolari, ma anche in più concreti documenti storici. Dalle alquanto irrequiete reliquie dei suoi martiri alle luci misteriose nel cielo della Rocca, dai parroci taumaturghi ai tunnel sotto il lago Maggiore, i “racconti del mistero” aronesi non sono né banali né déjà vu. Avvicinandosi ai giorni nostri le storie si tingono invece di giallo, e riguardano ad esempio le sfortunate vicende di generali risorgimentali, o di orafi dei giorni nostri in fuga dal mondo: non senza però un intermezzo che ha per protagonista proprio Carl Gustav Jung, uno dei padri della psicoanalisi. La città dei misteri, che continua la serie iniziata con Arona da scoprire e proseguita con Il torrente Vevera di Carlo Giuliani, ricostruisce queste vicende distribuite in un arco di tempo compreso fra l’anno Mille e la contemporaneità."

La città dei misteri
di Giacomo Fiori
Compagnia della Rocca Edizioni, Oleggio Castello, 2007
pagine 40, euro 10,00
ISBN 978-88-901894-2-5




La pubblicazione, patrocinata dalla CITTÀ DI ARONA, è stata realizzata con il contributo di:
LUIGI GUFFANTI 1876 - formaggi per tradizione - via Milano 140, Arona
OTTICA WOLF - ottica, lenti a contatto, ipovisione - corso Repubblica 86, Arona
VICARI - casalinghi e articoli da regalo - corso Cavour 125, Arona
TIPOLITOGRAFIA ALA - stampa tipografica e digitale - via Vittorio Veneto 21, Arona

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.