venerdì 19 febbraio 2010

Casale (fuori dall’) Inverno


Venerdì 26 febbraio alle ore 21.00 presso la sala consiliare del Comune di Casale Corte Cerro prende il via “Casale (fuori dall’) Inverno”, ciclo di serate culturali organizzate dall’Assessorato alla Cultura e dal Comitato Biblioteca. Si apre con l’intervento di Fiorella Mattioli, con tema “La plurimillenaria cultura del Cusio”.
In apertura di serata sarà illustrato in maniera dettagliata il programma dell’intera stagione, che prevede interventi di Massimo M. Bonini dedicate alla letteratura dialettale e letture antologiche sui capolavori della letteratura a cura di Guido Tonetti.
Il calendario completo dell’iniziativa è il seguente.

Venerdì 26 febbraio: FIORELLA MATTIOLI, La plurimillenaria cultura del Cusio.

Venerdì 5 marzo: GUIDO TONETTI "Il teatro e la poesia brillante e comica" : Shakespeare, Cechov, Trilussa ecc.

Venerdì 12 marzo MASSIMO M. BONINI, Restarà più ma fragaj? Piccola antologia della poesia dialettale tra VCO, novarese e Ticino

Venerdì 19 marzo: GUIDO TONETTI "Nostalgia di un passato in sottovoce" ; liriche di G. Pascoli, G. Carducci, G. Leopardi, G. d'Annunzio, G. Gozzano ecc.

Giovedì 25 marzo: " GUIDO TONETTI Frammenti dall'Odissea di Omero".

Sabato 10 aprile: GUIDO TONETTI "Mistica d'amore" di Alda Merini

Venerdì 16 aprile MASSIMO M. BONINI, 12/03, Travet a meur nen. Storia del teatro dialettale piemontese. (e casalese)

Le serate si svolgeranno tutte alle ore 21.00 in sala consiliare.

3 commenti:

  1. Complimenti per l'iniziativa, non è certo appannaggio di tanti Comuni avere un Assessorato che faccia promozione in questi termini, mettendo pure a disppsozopne la sala Consiliare!

    Ciao Alfa, un caro saluto.

    RispondiElimina
  2. Ciao Alfa, passo di qui per un salutino... sono ancora nella blogosfera, anche se con ritmi più rilassati! Buona serata :-)

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.