lunedì 17 maggio 2010

Il lago. Pittura dell’Ottocento tra Piemonte e Lombardia


Ho avuto occasione di visitare una mostra dedicata ai laghi , aperta fino al 3 ottobre 2010 presso il Palazzo Penotti Ubertini, a Orta San Giulio. Dai piccoli laghi pedemontani, come quelli canavesani e del biellese, al lago d’Orta e al Verbano, che separa e unisce le due regioni in trentadue opere di ventitre pittori dell’Ottocento e del primo Novecento, piemontesi e lombardi.
se capitate a Orta vi consiglio di visitarla.

Questo è ciò che trovo nel comunicato stampa.

«L’esposizione, organizzata dall'associazione Operaprima e curata da Giuseppe Luigi Marini, è ampia e distribuita nel tempo: dall’interpretazione romantica di Giuseppe Camino a quella più moderna e concisa di Galileo Chini, copre un periodo di circa ottant’anni, dalla fine degli anni Quaranta dell’Ottocento ai primi anni Trenta del Novecento e privilegia, pur nei diversi intendimenti interpretativi ed espressivi, la tradizione e l’orientamento figurativi.
Dei ventitre artisti esposti, ci sono i piemontesi Marco Calderini, Giuseppe Camino, Lorenzo Delleani, Giovanni Guarlotti, Alessandro Lupo, Enrico Reycend, Andrea Tavernier e Felice Vellan. Ad essi si aggiungono anche Cesare Maggi (ancorché romano di nascita, ma figlio di un famoso attore piemontese) e l’emiliano Cesare Gheduzzi, appartenente a una dinastia di pittori bolognesi trasferitasi a Torino in giovane età. I lombardi sono rappresentati da Leonardo Bazzaro, Ludovico Cavaleri, Eugenio Gignous, Alberto Grubicy, Silvio Poma, Costantino Prinetti (piemontese di natali ma milanese di adozione), Paolo Sala, Eugenio Spreafico e Achille Tominetti, nonché il napoletano Achille Formis Befani, trasferitosi non ancora trentenne a Milano. Due autori “fuori” dalle due regioni, ma che nei loro lavori hanno raffigurato i laghi del Nord Italia, sono il fiorentino Galileo Chini e il bolognese Luigi Bertelli.
Il soggetto lacustre è diversamente esplorato, colto e reso nelle sue valenze panoramiche, ambientali, della vita che vi si conduce, nel variato manifestarsi di situazioni atmosferiche e di momenti stagionali, brumosi o smaglianti di luminosità, secondo il sentire e l’indole dei vari maestri, così da tradurre esemplarmente, pur nella particolare tematica prescelta, le valenze espressive singolari del loro approccio al soggetto e dell’interpretazione, del modo di essere e di essere artista di ciascuno, sempre in rapporto con una precisa personalità e un riconoscibile linguaggio.»


OPERAPRIMA associazione culturale
Piazza Motta, 49 28016 Orta San Giulio – No info@associazioneoperaprima.it

Palazzo Penotti Ubertini
Via Caire Albertoletti, 31
28016 Orta San Giulio –No info@palazzoubertini.com

Informazioni pratiche:
Orari:
Dal 3 aprile all’11 giugno dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18.30
giorno di chiusura il martedì
dal 12 giugno al 3 ottobre dalle 10 alle 23 continuato
giorno di chiusura martedì
Biglietto di ingresso:
Intero: € 5,00
Ridotto: € 4,00 (studenti, disabili, maggiori di 65 anni, soci Touring Club, soci Fai, Abbonamento Musei)
Gruppi sopra le 10 persone: € 3,00
Gratuito: bambini fino a 10 anni
Catalogo a cura di Edizioni Ad Arte

2 commenti:

  1. che bella foto ! uno scorcio magnifico !

    RispondiElimina
  2. Questa deve essere molto bella!
    un abbraccio Alfoso informatore

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.