lunedì 10 maggio 2010

Fiabe e leggende del folklore insubrico


Dal 9 al 30 maggio, presso il Teatro Apollonio di Varese, sarà possibile visitare la mostra didattica

FIABE E LEGGENDE DEL FOLKLORE INSUBRICO

La mostra narra ed illustra alcune tra le più interessanti fiabe e leggende della terra d'Insubria, ricercandone le origini ed evidenziandone la comune matrice e lo stretto legame con altre antiche storie della tradizione europea.
La finalità di questo lavoro è quella di raccogliere e riordinare il molto materiale disponibile ricercando un giusto equilibrio tra il clima fiabesco e leggendario dei temi trattati, la semplicità della narrazione e la rigorosità della ricerca storica.
I testi, prodotti con la collaborazione di studiosi della materia di diverse aree del territorio insubre, sono accompagnati da illustrazioni appositamente realizzate per la mostra, che documentano in una forma grafica omogenea e coordinata i contenuti della ricerca.

A seguire Giovedì 27 maggio, ore 18.00, presso la tensostruttura di Piazza Monte Grappa a Varese, si svolgerà il convegno "Fiabe e leggende del folklore insubrico" al quale interverranno Roberto Corbella (studioso di floklore) e Massimo Centini (antropologo). Modererà l'incontro Marco Peruzzi di Terra Insubre.

Sito internet

6 commenti:

  1. Davvero... favoloso.
    Nascere e crescere in un posto e scoprire, ormai vaccinata e ben frolla, di essere... insubre!! di avere alle spalle una tradizione folclorica... insubre!!
    Eh, ti garantisco, Alfa, son esperienze che voi umani...
    Noi insubri, invece...

    RispondiElimina
  2. Grazie per questa chicca a pochi chilometri da casa, se in questo periodo stra-stra-stra-indaffarato riuscirò a fare un salto a Varese terrò presente!

    RispondiElimina
  3. Che bella iniziativa....^__^

    RispondiElimina
  4. ANCHE LA LOCANDINA è BELLISSIMA !

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.