mercoledì 1 luglio 2015

Gatti e magie del lago d’Orta




Maurizio Leigheb, personaggio e artista versatile, giornalista, scrittore e reporter, ha acquistato fama soprattutto come esploratore, etnologo e documentarista televisivo, autore di oltre 100 cortometraggi per la Rai e Canale 5. 

Fin da ragazzo ha dimostrato anche una spiccata attitudine per il disegno e la pittura. Figlio d’arte (il nonno era un famoso attore comico del teatro dell’800 che si dilettava di pittura, mentre il padre, oltre che medico, era un apprezzato caricaturista, pittore e scultore), ha cominciato a dipingere quando era molto giovane, frequentando lo studio di noti artisti italiani come Luigi Bartolini e Filippo Usellini, e partecipando a varie collettive. 

Della sua produzione pittorica sono soprattutto da ricordare la personale allestita ad Orta nel 1969, dedicata agli incontri e ricordi dei suoi lunghi viaggi in Oriente, presentata dallo scrittore Sebastiano Vassalli, candidato al premio Nobel per la letteratura, e la recente mostra di successo “Insula”, al palazzo del Broletto di Novara (settembre-ottobre 2014), presentata dal critico Raul Capra e dallo stesso Vassalli.

Con quest’ultima mostra ha iniziato il nuovo e originale ciclo pittorico dedicato all’isola di S. Giulio e al Lago d’Orta, luogo incantato della sua infanzia, alle sue genti e ai suoi gatti, che propone e sviluppa anche in questa esposizione.

4 commenti:

  1. Peccato vivere così lontana, sarebbe stato interessante! A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto "misteriosa" per l'argomento... ;)

      Elimina
  2. Mi associo al commento di Dream Teller: purtroppo la mia isola è lontana, avrei visitato davvero volentieri la mostra ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma vivi in un posto bellissimo anche tu, Mari!

      Elimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.