lunedì 12 luglio 2010

I martiri tebei

La venerazione verso San Maurizio conobbe parecchia fortuna alcuni secoli dopo la data presunta del martirio. Con la caduta dell’impero, le massicce invasioni germaniche e la conversione dei nuovi padroni al cristianesimo, i santi soldati erano chiaramente molto graditi a genti che dell’uso delle armi facevano un elemento di distinzione.

Il racconto del martirio di un’intera legione, i cui effettivi regolari erano normalmente di circa seimila uomini (6660 secondo alcune versioni della Passio) suscitò però anche il desiderio di conoscere i nomi e le vicende dei molti martiri caduti con Maurizio.

Secondo la versione ufficiale sarebbero solo due i soldati scampati all’eccidio di Agaunum: Urso e Vittore. Varie leggende integrarono però la Passio Acaunensium martyrum narrando le vicende di alcuni componenti della legione sfuggiti al martirio di Agaunum e per lo più rifugiatisi nel nord Italia. Inoltre un po’ ovunque sorsero leggende che mettevano in relazione santi venerati localmente alla legione tebana. Si stima che siano circa 400 i santi collegati in qualche modo a questa formazione militare. Molti di essi non sono neppure chiaramente identificabili e delle loro vite si sa molto poco.

Nel 1586 il pontefice Gregorio XIII promosse la pubblicazione di un elenco ufficiale dei martiri venerati come santi, il Martyrologium Romanum, in sostituzione dei numerosi elenchi di santi tramandati dalle chiese locali. Successivamente aggiornato, l’ultima versione di questo “Who’s who” dei santi martiri è del 2001. Si tratta di una versione aggiornata e riformata, secondo quanto previsto dal Concilio Vaticano II, della precedente edizione, che risaliva al 1956. Da esso sono stati esclusi i santi e i beati per i quali mancavano notizie certe e documentate. Pertanto l’appartenenza alla Legione Tebana di molti santi, molti dei quali tuttora venerati, non viene più considerata come attendibile dalla Chiesa Cattolica.

Di seguito vi propongo un elenco di alcuni dei santi “tebei. Si tratta di un elenco indicativo e assolutamente sommario. Eventuali segnalazioni e correzioni saranno utili e ben gradite.

Santi Urso e Vittore, venerati in Svizzera a Soleure (sant’Urso) e Ginevra (san Vittore). Sono gli unici accettati dal Martyrologium Romanum come facenti parte della legione tebea in quanto i loro nomi compaiono nelle fonti più antiche.

San Defendente di Tebe dal secolo XIV godette di largo culto nell’Italia Settentrionale, nelle città di Chivasso, Casale Monferrato, Mescia, Novara, Lodi, ecc. La festa era il 2 gennaio e lo si invocava contro il pericolo dei lupi e degli incendi.  Nel Cusio chiese a lui dedicate si trovano a Casale Corte Cerro e a Ronco Inferiore di Pella.

Santi Innocenzo e Vitale, venerati in Svizzera.

Santi  Carpoforo, Alessandro, Cassio, Fedele, Essanto, Severo, Secondo, Licinio. Secondo la tradizione questo gruppo di scampati raggiunse Milano, dove fu arrestato. Fuggiti nuovamente sarebbero giunti nella zona di Como dove sarebbero stati uccisi e dove sono oggetto di venerazione. Alessandro sarebbe invece fuggito verso Bergamo dove fu arrestato e martirizzato, diventando in seguito il patrono della città.

San Besso, venerato particolarmente nel Canavese e in Valle d’Aosta.

Santi Avventore, Ottavio e Solutore, particolarmente venerati a Torino, città di cui sono considerati i primi martiri e in cui sono conservate le reliquie fin dal 1584.

Santi Cassio e Fiorenzo, fuggiti verso la Germania e venerati come martiri a Bonn.

San Marchese, il cui corpo sarebbe stato rinvenuto nel 1604, durante l’esecuzione di alcuni scavi vicino al castello di Altessano associato a documenti che ne avrebbero assicurato l’appartenenza alla Legione tebea.

San Magno, venerato nel paese di Castelmagno.

San Maurizio rimane  il più importante dei martiri tebei. Non sono pochi i paesi, come San Maurizio d'Opaglio, che tramandano nel nome il ricordo del passaggio del santo e dei suoi santi soldati nella loro marcia verso le Alpi. Si tratta naturalmente di racconti non suffragati da alcun tipo di documentazione, ma la venerazione popolare ha trasformato in realtà storica quello che in origine fu forse la dedicazione di un edificio di culto, da parte di uno sconosciuto benefattore, ad un santo incontrato durante i viaggi oltre le Alpi. Un santo che probabilmente si voleva ringraziare per l’aiuto avuto nel successo di un’impresa militare o commerciale.
San Maurizio è raffigurato tradizionalmente nella sua armatura e, in Italia, porta una croce rossa.È patrono degli alpini, delle guardie svizzere e dell'Esercito Francese Alpino. È anche il patrono della casa Savoia, che per un certo tempo dominò il Vallese. Per la devozione verso il santo nel 1434 il duca Amedeo VIII fondò l’Ordine Cavalleresco e Religioso di S. Maurizio, che nel 1572 venne fuso con l’Ordine per  l’Assistenza ai Lebbrosi di S. Lazzaro dando vita all’Ordine Mauriziano.

La vicenda più straordinaria che riguarda San Maurizio è quella, tuttavia, che lo lega alla storia del Sacro Romano Impero. Una vicenda che si collega a un oggetto che, secondo la  leggenda, avrebbe salvato l’Europa dall’Apocalisse…

Parte 3 (continua)


parte 1
parte 2
parte 3
parte 4
Parte 5
Parte 6
Parte 7
Parte 8
Parte 9

10 commenti:

  1. E' una storia molto interessante. Mi piacerebbe documentarmi piu' approfonditamente su questo genere di vicende. Grazie di questo post!

    RispondiElimina
  2. Non hai che da rimanere sintonizzata allora!

    RispondiElimina
  3. desidero ricordarti San Paragorio, anch'egli della Legio Tebea, venerato a Noli (SV) dove gli è stata dedicata una meravigliosa chiesa intorno all'anno 1000. pochi giorni fa, in liguria per lavoro sono tornato a visitarla. da non perdere!

    RispondiElimina
  4. Grazie Dom. In effetti avevo letto la sua storia. Davvero misterioso il fatto che un navarca bizantino sia stato associato, coi suoi compagni Parteo, Partenopeo e Severino alle vicende della Legione Tebea.

    RispondiElimina
  5. neh che fa strano?

    RispondiElimina
  6. Alfa,
    è straordinaria la storia di questo santo. Poco o per niente conosciuto, m'accorgo invece, da questo post a puntate, che dev'essere stato un santo di grande levatura, tando grande da aver alimentato quel culto straordinario durato secoli e secoli.
    E adesso, per quel che mi riguarda, vedo che verrà il bello della storia, dal momento che ci si addentra nell'incrocio con il periodo in cui imperarono gli Ottoniani, nella cui vicenda di tutti e tre gli imperatori ebbe ruolo primario
    Adelaide, moglie, madre e nonna dei tre Ottone, divenuta poi santa.

    A proposito sai perchè San Maurizio al Lambro, paese alle porte di Milano, confinante con Cologno Monzese, porti quel nome?

    Complimenti vivissimi: hai creato un serie di post veramente eccezionali!

    RispondiElimina
  7. Grazie Marshall! A dire il vero non sapevo nemmeno dell'esistenza di San Maurizio al Lambro. Ma fa comune?

    RispondiElimina
  8. Sì, ed è posto in mezzo tra Monza e Cologno Monzese: hai presente la torre di Mediaset?

    RispondiElimina
  9. Ho capito. Chissà se sanno che esiste una associazione dei comuni che si chiamano San Maurizio? In Piemonte ci sono San Maurizio d'Opaglio e San Maurizio Canavese

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.