domenica 4 luglio 2010

Quando la notte si mangia le stelle




Giovedì 8 Luglio, alle ore 21, il circolo Operaio di Baveno ( via Libertà,30) ospiterà una delle “tappe” della rassegna di Arcinvetta, le serate culturali promosse dall’Arci VCO nei circoli.
Ospite, con il suo libro “Quando la notte si mangia le stelle” , un bavenese “doc”: lo scrittore Marco Travaglini. Insieme a lui, l’attrice Raffaella Gambuzzi che leggerà alcuni dei 45 racconti del libro.

Le storie sono quasi tutte ambientate a Baveno, tra il lago Maggiore e il Mottarone che incombe. Tra i luoghi-simbolo c’è anche il Circolo Operaio dove “ fuori, nella bella stagione, c`era sempre qualcuno che si sfidava sui campi da bocce, mentre gli altri avventori si dividevano tra coloro che sbirciavano la partita, leggevano il giornale, commentavano i fatti del paese o si lasciavano prendere la mano dal turbinio delle carte da ramino o da scopa”.
Il “campionario umano”, che anima le storie, è di prim`ordine. Uomini e donne dei quali si raccontano le storie strampalate, strappando sorrisi o qualche lacrima, sul fondale naturale di un ambiente straordinariamente bello com’è la sponda piemontese del Verbano.
Dall`osteria dei Gabbiani dove,soprattutto il sabato sera, “l`aria era densa come la nebbia di Milano” agli sguardi del Remolazzi che , tagliando il fieno nel suo prato, scruta il cielo che s’annuvola e dice al Bartolo Quand al Mutaron `l ga sù al capèl, mòla la rànza e ciàpa `l restèl. Il quale, guardando a sua volta il cielo, borbotta : “Sècunda mì, Remulazz, a l`è un tempural varesott: poca acqua e tant casott”. Che, tradotto, significa tanto rumore per nulla.
C’è la Baveno d’oggigiorno, quella di ieri l’altro e quella dei ricordi “d’antan”. Con le sue storie, oltre alle scorribande giovanili e alle vicende lacustri, Travaglini ricorda anche l’epoca in cui passava da Baveno il mitico “Simplon Orient Express” che – sferragliando e portandosi appresso il suo alone di mistero - collegava la stazione parigina della Gare de l`Est ad Istanbul. Infatti, dal 1919- a seguito dell`apertura del tunnel del Sempione – venne inaugurata questa nuova tratta ferroviaria, a sud delle Alpi:così, scendendo da Briga a Domodossola e da lì fino al lago Maggiore, le signore imbellettate potevano guardare dal finestrino i paesi e le isole del golfo Borromeo.

Fonte: lagodorta.net

1 commento:

  1. aaaahhhhhh il fascino dell'Orient Express roba da gatte con veletta le - miaooooooooooooùùùùùù

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.