lunedì 10 giugno 2013

Filosofia del cactus


Lo ammetto: non ho pollici verdi. Sarà perché il mio ideale di verde è un giardino in cui le piante crescono in  modo anarchico; o piuttosto per la mia incapacità di prendermi cura con una continuità accettabile di qualsiasi creatura vegetale (e ultimamente anche di questo blog). Fatto sta che a casa mia le piante sono destinate a morire. Persino le piante grasse fanno una brutta fine, perché se non è la penuria d’acqua è il gelo a terminare le loro stentate esistenze.
Ciononostante sul mio balcone vive, anzi dovrei dire prospera, un cactus. A voler essere precisi, la pianta in questione ha un nome e certamente anche un cognome scientifico. Essi però mi sono ignoti (eventuali pareri esperti saranno assai graditi) e così colmo la mia ignoranza con una sola parola. 
Il mio cactus è in realtà un’intera famiglia di piantine spinose. Nonostante mi ricordi solo di tanto in tanto di dare loro acqua e mi decida a trasferirle in garage solo quando la temperatura esterna scende sotto i –10° C diurni per dimenticarli là sotto fino alla primavera (non senza aver  deposto una palla di neve nel vaso, di solito); nonostante tutto questo, dicevo, essi non solo vivono, ma prosperano e si moltiplicano. 
Basta un bicchiere d’acqua ogni tanto per vedere quei bastoncelli rinsecchiti aumentare di volume in maniera evidente nel giro di poche ore, come stiracchiandosi dopo un lungo sonno. Ma il beneamato cactus non si limita ad ingrossarsi. Si allunga e trasforma una sua estremità in un’apparentemente innocente pallina che dopo qualche esitazione si stacca dalla pianta madre. Il piccolo colono, se cade su una superficie terrosa, inizia immediatamente a mettere radici e nel giro di poco tempo eccolo diventato una nuova piantina che va aggiungersi alle altre.
Devo confessare che l’indole di questa piccola tenace creatura mi ha conquistato. Per quanto questo non abbia comportato alcun miglioramento nella mia capacità di giardinaggio, in qualche modo mi prendo cura del mio cactus. Principalmente facendogli molti complimenti per la sua capacità di resistere alla mia inettitudine.
E lui mi risponde senza parlare fornendomi argomenti su cui riflettere. 
Non posso non pensare, infatti, che sia di quelle creature dall’aspetto apparentemente insignificante di fronte all’elegante bellezza di certe delicatissime piante. Eppure lui vive mentre esse giacciono da tempo rinsecchite dopo un’effimera stagione di splendore. 
Esso mi ricorda che, per quanto la vita sia difficile, per quanto le delusioni, gli abbandoni, i tradimenti, le cadute siano molto più frequenti degli attimi di felicità, questi sono come gocce d’acqua preziosa che vanno assorbite e conservate con cura dentro di noi per i tempi difficili. 
E quando il momento è propizio bisogna sapersi aprire e fiorire, come fa lui regalando a me (e soprattutto a se stesso), dei magnifici fiori colorati.

12 commenti:

  1. Anche io non ho il pollice verde.. e poveri i miei cactus.. qualcuno ci la lasciano le spine.

    Mi piace però questa visione che ne dai... penso che d'ora in poi proverò a curarlo di più..

    L'ultimo che ho preso si trova nel salone accanto la foto di mio padre.. ed ha ancora dei fiori.. spero sia un buon segno :)

    RispondiElimina
  2. SECONDO me hai l'indice verde ...

    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha

      anche marrone, quando gioco con la Nutella!

      Elimina
  3. Da più parti ho sentito dire che le piante, in genere, risentono della vicinanza delle persone, e comprendono quando le si parla.
    Credo che il tuo cactus abbia capito che tu gli vuoi bene, e se poi non sei proprio un "pollice verde" a lui non interessi più di tanto...
    Pensa che io ne ho uno da cinque o sei anni, omaggio di un hotel al mare per il giorno di ferragosto...ed è ancora qui, bello vispo!

    Ciao, buon inizio settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere, caro Leonardo. O forse è solo un tipo molto tosto!

      Elimina
  4. Si parlale, io ne ho una in studio che è una meraviglia malgrado non la curi granchè: ma le parlo dolcemente chiamandola Sebastian ......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lei cresce felice allora! falle qualche miagoliio di tanto in tanto! ;)

      Elimina
  5. Hai più speranze di Max come giardiniere, lui ci si impegna anche ma fa a modo suo: mette al sole piante che vogliono l'ombra e viceversa e annaffia secondo il suo pessimo istinto verde... Lui, i cactus, non li fa svenire: li fa marcire!!! XD Forse è meglio che lasci a me il lato pratico e lui si occupi del morale, limitandosi a farci qualche bella chiacchierata...
    O forse non ha ancora incontrato l'amore (vegetale) della sua vita, come è capitato a te col tuo cactus a caccia di nome!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaahah

      Potremmo mettere su una piccola bottega degli orrori giardinieri allora!

      Elimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.