lunedì 11 marzo 2013

Nasce l'ICWA, l'associazione degli scrittori italiani per l'infanzia




In occasione della cinquantesima edizione dell'annuale Fiera del Libro per Ragazzi che si terrà a Bologna dal 25 al 28 marzo 2013, verrà presentata - mercoledì 27 marzo alle 11.30, presso la Sala Ronda - l'ICWA (Italian Children's Writers Association), la prima associazione nata al fine di collaborare alla promozione in Italia e nel mondo della letteratura junior e degli autori italiani per l'infanzia e l’adolescenza. Seppur diversi e decisamente eterogenei per anzianità editoriale, tematiche, stile, i 50 iscritti rappresentano ampiamente la letteratura italiana contemporanea per bambini e ragazzi a livello nazionale e internazionale. Tra di loro vi sono i vincitori dell’Andersen italiano o del Bancarellino, scrittori pluripremiati e giovani emergenti.

L'ICWA - fondata nell'ottobre 2012 - si prefigge principalmente tre obiettivi:
1. collaborare a un’apertura - in termini culturali e di mercato - internazionale più ampia e significativa della letteratura italiana per l'infanzia; 
2. stabilire un dialogo proficuo con gli editori italiani per valorizzare, in modo più incisivo,anche all’estero, la nostra letteratura per ragazzi orientando le scelte verso proposte che possano essere rappresentative della ricchezza della produzione editoriale nostrana;
3. invertire la tendenza (tutta italiana) secondo la quale la letteratura per l'infanzia apparterrebbe a una cultura di serie B. Tale orientamento ha reso di fatto invisibile la produzione letteraria dedicata ai bambini e ai ragazzi. 

Per maggiori informazioni visitate il sito http://www.icwa.it


2 commenti:

  1. Cavolo, mi ero persa questo post!
    Proprio io che adoro le fiabe e la letteratura per l'infanzia in generale... vado a vedere il link!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iniziativa molto interessante davvero

      Elimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.