mercoledì 18 novembre 2015

Un antico portale medievale a Orta



Camminando per le vie di Orta (e vi suggerisco di farlo in questo periodo quando c'è meno gente e si può visitare il paese più tranquillamente) è bene guardarsi sempre attentamente attorno.

Di tanto in tanto dai muri emergono tracce di un antico passato. Come questo portale, che riporta una data, 1483, e una scritta sotto l'immagine di un volto, forse persino più antica. I segni di cunei sulla sinistra danno infatti l'idea che il manufatto sia un reimpiego, probabilmente posizionato come architrave in una porta costruita nell'anno 1483.

Il campionario delle incisioni medievali ortesi è ampio e comprende svariati simboli, dall'Albero della Vita a figure animali. Come un lupo/cane presente in un altro portale non distante da quello qui sopra fotografato.

In genere si ritiene che avessero la funzione di proteggere le abitazioni dagli influssi malefici di ogni genere, dalle malattie alla cattiva sorte, e discendono da una tradizione antichissima presente già nel mondo classico.





5 commenti:

  1. Nonostante sappia benissimo di avere tanti luoghi interessanti quasi dietro casa, finisco col vederne pochi, mentre ne vedo un'infinità in vacanza e torno regolarmente dimagrita dai saliscendi in mille borghi (nonostante le gustose mangiate)!
    Maledetti impegni, maledetti imprevisti...
    Se non faccio un giro da quelle parti prima che torni la stagione turistica DEVI tirarmi le orecchie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere quando vieni però! ;)

      Elimina
    2. Sicuro, così a seconda di quando verrò deciderai se darmi la tirata d'orecchie o qualche consiglio di visita... O entrambe le cose! :-D

      Elimina
  2. Stavo guardando questo portale proprio l'altro giorno, facendo analoghi ragionamenti.

    RispondiElimina

Lasciate una traccia del vostro passaggio, come un'onda sulle acque del Lago dei Misteri...

Post più popolari

Follow by Email

"Di un fatto del genere fui testimone oculare io stesso".

Ludovico Maria Sinistrari di Ameno.